9.1. I tempi verbali nelle lingue romanze

Questo capitolo è un po’ più lungo, perché per quanto riguarda i tempi verbali il portoghese si distingue fondamentalmente da tutte le altre lingue romanze. Tutti si aspettano che il pretérito perfeito composto in portoghese venga utilizzato come il passato prossimo italiano ai tempi di Alessandro Manzoni o come il pasado perfecto spagnolo, ma non è così.

In tutte le lingue romanze si distingue tra imperfecto (español) / imperfeito (portugués) / imparfait (francese) / imperfetto (italiano) da una parte e indefinido (español) / perfeito simples (portugués) / passé composé - passé simple (francés) / passato prossimo - passato remoto (italiano) dall'altra, benché in italiano la distinzione tra passato remoto e passato prossimo non sia sempre fatta e in francese le passé simple sia sparito.

Storicamente il passato prossimo e i tempi verbali che corrispondono formalmente ad esso in altre lingue, ossia i tempi verbali composti formati con il verbo ausiliare avere / essere al presente e il participio passato (Sono andato / Ho comprato) si utilizzava, e in italiano ancora si utilizza, se un'azione del passato ha un impatto sul presente. In portoghese, il pretérito perfeito composto non ha mai avuto questa funzione.

A: Hai fame?
B: No, già ho mangiato.

Secondo le grammatiche normative si dovrebbe utilizzare il passato prossimo (ho mangiato) in questo caso, perché c'è una relazione molto stretta con il presente. Dato che poco fa ha mangiato qualcosa, non ha fame. È possibile, che ci siano regioni nelle quali si può dire "No, già mangiai", cfr. Sull'uso del passato remoto, ma l'autore suppone che in un caso così evidente c'è una chiara preferenza per il passato prossimo, perché anche in lingue come il tedesco, che normalmente sono abbastanza "flessibili" per quanto riguarda l'uso dei tempi, si deve utilizzare un tempo che formalmente corrisponde al passato prossimo. Dice la Accademia della Crusca:

Giovanni Nencioni pone anche l'accento sull'aspetto diatopico del problema, ovvero sulla diversa distribuzione geografica della scelta fra i due tempi verbali, sottolineando come «l'alternanza del passato prossimo col passato remoto, nella lingua sia parlata che scritta, non è uniforme in Italia, perché vi influisce anche il sostrato dialettale dei parlanti o scriventi.

Forse dipende anche da quanto è stretto il rapporto con il presente. Può darsi che dappertutto in Italia ci sia una preferenza per il passato prossimo se il rapporto è molto stretto e che non basti prendere in considerazione soltanto le regioni.

Questo, però, non è il punto che ci interessa. Il punto è che il pretérito perfeito composto portoghese prende in considerazione un aspetto che non viene preso in considerazione in nessun tempo verbale delle altre lingue romanze. Esso si usa quando un’azione CONTINUA fino al presente. La rilevanza di un'azione per il presente è un aspetto irrilevante e lo è sempre stato. Nell’esempio sopra l'azione non continua fino al presente e il fatto che ha un impatto sul presente è irrilevante. Si risponde dunque con il pretérito perfeito simples.

A: Tens fomi?
B: Não, eu já comi.

Il portoghese non fa e non ha mai fatto una distinzione fondamentale que tutte le lingue romanze e la maggioranza delle lingue - anche l’inglese e il tedesco – fanno. Usare il pretérito indefinido, "No, ya comí", sarebbe completamente sbagliato in spagnolo. Il portoghese distingue, però, tra un’azione che fu realizzata una volta e un’azione che fu ripetuta fino al presente. Questa distinzione si può fare in spagnolo e inglese, ma non con un tempo verbale. In spagnolo, per azioni che cominciano nel passato e continuano fino al presente si può usare la perifrasi verbale llevar + gerundio, mentre si usa il present perfect continuous in inglese. In italiano si deve costruire con un avverbio per esprimere questo concetto.

spagnoloinglese italiano

portoghese

A: ¿Por qué no me lo has dicho? A: Why didn't you tell me that? A: Perché non me lo hai detto? A: Porque não me disseste isso?
B1: Pero llevo deciéndotelo desde hace tiempo. B 1: But that's what I have been telling you the whole time. B 1: Ma te lo ho detto sempre. B 1: Ma tenho-te dito isso o tempo todo.
B2: Pero te lo he dicho hace tiempo. B 2: I told you that long time ago. B 2: Ma te lo ho detto. B 2: Foi o que eu te disse.

In B 1 qualcuno ha detto una cosa parecchie volte. L'unica maniera di esprimere questo in italiano è aggiungere sempre. Se qualcuno ha sempre fatto qualche cosa, l’ha fatto parecchie volte e, siccome il passato prossimo stabilisce una relazione con il presente, ha continuato a fare questo fino al presente. In portoghese, ci basta un semplice passato prossimo / pretérito perfeito composto.


Se tralasciamo questo aspetto, il sistema de tempi verbali del portoghese si assomiglia al sistema delle altre lingue romanze e anche al sistema dei tempi verbali delle altre lingue indogermaniche. Sono sempre gli stessi aspetti che si deve prendere in considerazione. La tabella qui sotto mostra il sistema dei tempi verbali in varie lingue. Questo schema è perfettamente certo soltanto per lo spagnolo che distingue chiaramente tra un’azione compiuta in un passato determinato e un’azione il cui impatto è ancora percettibile nel presente del locutore. Per quanto riguarda l’italiano questa distinzione appartiene alla norma "colta" e per il francese appartiene alla norma super colta. Il portoghese, invece, si distingue da tutte le altre lingue per il fatto che prende in considerazione un aspetto irrilevante nelle altre lingue, cioè il fatto che un’azione sia ripetuta fino al presente del parlante. Tralascia un altro aspetto che è molto importante per le altre lingue, ossia il fatto che un’azione ha un impatto sul presente del locutore.

francese spagnolo italiano portoghese inglese tedesco
L'inizio e la fine di un'azione realizzata nel passato è irrilevante o sconosciuto, l'azione si e ripetuta regolarmente nel passato o il verbo in imperfetto descrive un'azione di fondo che è stata interrotta da un'altra. imparfaitimperfectoimperfettoimperfeitosimple pastImperfekt
Le tableau était accroché au mur.El cuadro estaba colgado en la pared. Il quadro era appeso alla parete.O quadro estava pendurado na parede The painting hung on the wall.Das Bild hing an der Wand.
Azione terminata in un passato terminato con nessun impatto sul presente. passé simplepretérito indefinido passato remotoperfeito simples simple pastImperfekt / Perfekt
Tout d un coup, il tomba par terre.De repente se desplomó en el suelo.Di colpo cadde per terra. De repente, caiu por terra. Suddenly he fell to the ground.Plötzlich stürzte er zu Boden.
Plötzlich ist er zu Boden gestürzt.
Azione del passato che ancora influisce o ha un impatto sopra il presente. passé composépretérito perfectopassato prossimoperfeito simples present perfectPerfekt
A: Est-ce que tu as faim?
B: No, j'ai déjà mangé.
A: Tienes hambre?
B: No, ya he comido.
A: Hai fame?
B: No, ho già mangiato.
A:Tens fome?
B:Não, já comi.
A: Are you hungry?
B:No, I have already eaten.
A: Hast du Hunger?
B:Nein, ich habe schon gegessen.

Il pretérito perfeito composto è riservato per un contesto che non abbiamo molto spesso nella vita reale. Ciò significa che il tempo del passato più utilizzato in portoghese è il pretérito perfeito simples. Ciò è un po’ spiacevole, perché in tutte le lingue romanze questo tempo è anche quello con più di verbi irregolari. (Se il pretérito perfeito composto non avesse un significato così specifico, è molto probabile che in portoghese avrebbe successo quanto in italiano e francese. E da supporre che una ragione per la scomparsa del passato remoto in italiano e francese è il fatto che è difficile da un punto di vista morfologico.)


Dato che è facile di costruire c'è il rischio di utilizzare il pretérito perfeito composto ogni volta che si utilizza il passato prossimo in italiano. Vedremo più tardi che qualche volta questo è possibile. Si può farlo ogni volta che il passato prossimo viene utilizzato in un contesto in cui  un’azione è ripetuta parecchie volte, ma in generale non è possibile.

La definizione data per il pretérito perfeto composto portoghese è quasi sempre corretta in tutti i libri di testo, ma molta gente non si rende conto che c'è una grossa differenza tra "un'azione che si ripete o continua fino al presente del locutore" e "un’azione che ha un impatto sul presente del locutore”. Un caso interessante che illustra il problema è www.duolingo.com, una ditta sovvenzionata da google con 45 milioni di dollari. Duolingo produce anche piccoli corsi di lingue e nel corso di portoghese per parlanti di madrelingua spagnola, il pretérito perfeito composto fu tradotto con il pasado perfecto, passato prossimo in italiano, fino a che una persona che collabora lì si rese conto che è sbagliato e lo corresse. In questo contesto discute anche la differenza ed è un ragazzo abbastanza intelligente: compara il pretérito perfeito composto con il pretérito perfeto spagnolo, ma ciò che è valido per il pretérito perfeito spagnolo, lo è anche per il passato prossimo italiano (come veniva utilizzato nel tempo di Alessandro Manzoni). Abbiamo sostituito il testo spagnolo dell’originale con un testo in italiano. Ciò ci sembrava utile e abbiamo aggiunto un esempio.



Pretérito Perfeito Composto em Espanhol
Em espanhol, o pretérito perfeito composto (PPC) serve para:
Expressar um acontecimento do passado em um tempo presente (ou seja, o momento da fala inclui o presente do falante):
Las cosas han mejorado mucho desde que estoy aquí / Este año ha llovido mucho en Salvador.
Indicar que os fatos realizados no passado possuem consequências no presente:
Yo he perdido las llaves de mi casa esta mañana / Me han echado del trabajo, estoy muy nerviosa.
Aproximar narrativamente os fatos: Hace tres años que se ha llevado mi perro a la hacienda, y aún no me he acostumbrado a estar sin él.

Pretérito Perfecto in spagnolo

In spagnolo il pretérito perfecto serve per:
Descrivere un avvenimento nel presente del parlante (ossia il momento dell'enunciazione include il presente del locutore:
Le cose hanno migliorate da quando sono qui. / Quest'anno ha piovuto molto in Salvador.
Indica che fatti avvenuti nel passato hanno delle conseguenze per il presente.
Ho perso le chiavi di casa mia questa mattina. / Sono stata licenziata, sono molto nervosa.
Serve anche per avvicinare i fatti al presente: Hanno portato via dalla azienda il mio cane tre anni fa, ma non mi sono ancora abituato a stare senza lui.
Pretérito Perfeito Composto em Português

Para nós, falantes nativos de português, é muito mais fácil entender esse tempo verbal. Prestem atenção nessa frase:

Eu tenho viajado muito para Paris.

Como vocês devem ter percebido, o PPC em português serve para expressar fatos que acontecem repetidamente e continuadamente. Ou seja, esse tempo verbal na nossa língua possui um aspecto iterativo, de algo que começou no passado e vem acontecendo no presente. Trata-se de uma particularidade da língua portuguesa que não se encontra em nenhuma outra língua que eu tenha conhecimento.

Outros exemplos: Eu tenho ficado em casa depois das aulas / Eu tenho dormido após as refeições, mas minha mãe não gosta. / Minha avó tem jogado futebol melhor do que vocês.

Pretérito Perfeito Composto in portoghese

Per noi, madrelingua portoghese, è più facile capire questo tempo verbale. Fa attenzione a questa frase:

Eu tenho viajado muito para Paris. <=> Ultimamente ho viaggiato molto a Parigi.

Come sicuramente avete notato il PPC portoghese serve per descrivere fatti che occorrono ripetutamente o continuamente. Ciò significa che questo tempo verbale serve per descrivere un’azione che cominciò nel passato e continua nel presente. E una particolarità della lingua portoghese che non esiste in nessun’altra lingua che io conosca.


Altri esempii: Eu tenho ficado em casa depois das aulas. <=> Dopo la scuola rimango normalmente in casa.
Eu tenho dormido após as refeições, mas minha mãe não gosta. <=> Dopo pranzo di solito dormo, ma questo non piace a mia madre.
Minha avó tem jogado futebol melhor do que vocês. <=> Mio nonno gioca ancora calcio meglio di voi.

Nota de esclarecimento sobre o Pretérito Perfeito Composto

Si può dubitare che il pretérito perfeito composto sia veramente un tempo del passato, perché il presente è più uno stato psichico che uno spazio temporale che si può misurare con un orologio. Il presente è il tempo dove succedono cose che ci concernono direttamente e ai quali dobbiamo reagire, attivamente o passivamente. Esso può essere molto lungo se si descrive un'abitudine o una cosa che si ripete da tempi eterni.

1) Dopo pranzo vado a fare una passeggiata.
2) Dopo pranzo, di solito vado a fare una passeggiata.

La frase 1) è ambigua. È possibile che descriva un'abitudine o un avvenimento singolare. Aggiungendo un avverbio si può evitare questa ambiguità.



Il pretérito perfeito composto per descrivere azioni che si sono ripetute fino al presente del parlante e oltre questo tempo.
1) Cláudia tem levado seus filhos à escola. <=> Claudia di solito porta i suoi figli a scuola.
Cláudia leva seus filhos à escola. <=> Claudia porta i suoi figli a scuola.

Nella frase 1) ha portato varie volte i figli a scuola e probabilmente lo farà anche in futuro. La frase 2) può essere interpretata in due modi distinti: o ha portato una sola volta suoi figli a scuola o è una regola generale.

Non si deve confondere una regola generale con un’azione che è stata ripetuta fino al presente del parlante.



affermazione generale <=>ripetizione
1) affermazione generale:
Eles falam português.
2) ripetizione:
Eles têm falado português.

Nella frase "Eles falam português", "Loro parlano portoghese", si tratta di un’affermazione generale. Si parla di persone che parlano portoghese, per qualsiasi ragione: sia che perché è la sua lingua madre, sia perché lo hanno imparato. La frase "Eles têm falado português", "Loro molto spesso parlano portoghese", significa completamente un’altra cosa. In questo caso si parla di persone che normalmente parlano un’altra lingua, ma molto spesso, per esempio nella presenza di persone di madrelingua portoghese, comunicano in portoghese.

Se si utilizza il pretérito perfeito composto per descrivere una regola generale, si possono avere risultati divertenti.

1) legge naturale: A Terra gira em torno do Sol. = La terra gira intorno al sole.
2) divertente: A terra tem girado em torno do Sol. = Ultimamente la terra gira intorno al sole.
3) divertente: A terra vem girando em torno do Sol. = Fino a poco tempo fa la terra ha girato intorno al sole.

2) e 3) suggeriscono che la terra normalmente non gira intorno al sole. Questo avrebbe un aspetto positivo e uno negativo. L'aspetto positivo sarebbe che tutti i nostri problemi sarebbero risolti. L'aspetto negativo sarebbe che saremmo tutti morti. 3) è una perifrasi verbale. Ci occuperemo di questa costruzione da più vicino nel capitolo 18.1.1. Una traduzione esatta è difficile. Qualche volta si può tradurla con la costruzione stare + gerundio.

Venho trabalhando muito ultimamente.
Sto lavorando molto ultimamente.


I brasiliani molto spesso dicono que frasi come Tenho trabalhado muito ultimamente che corrispondono al present perfect continuous inglese, I have been working a lot recently. L'autore direbbe che questo è corretto al 100%.


È molto probabile che nessun'altra lingua esprima il concetto di ripetizione per un tempo verbale, benché alcune lingue, come per esempio l'inglese o lo spagnolo prendano in considerazione questo aspetto. La tabella mostra alcuni aspetti da considerare e come vengono espressi in differenti lingue.

tedesco portoghese inglese spagnolo italiano francese
affermazione generale:Es regnet viel. Chove muito. It rains a lot.Llueve mucho.Piove molto.Il pleut beaucoup.
ripetizione fino al presente del parlante: Es regnet schon die ganze Zeit. Tem chovido. It has been raining.Ha estado lloviendo.Ha piovuto molto ultimamente.Il a plu beaucoup ces derniers jours.
azione terminata in un passato terminato e senza rilevanza per il presente: Es regnete. Chuveu. It rained.Llovió. Piovve.Il plut.
impatto sul presente del locutore Es hat geregnet, ich bin klatschnass. Chuveu, estou encharcado. It has rained, I am soaking wet.Ha llovido, estoy todo mojado. Ha piovuto, sono bagnato.Il a plu beaucoup, je suis tout mouillé.
azione continua nel passato:Es regnete. Chuvia. It rained.Llovía. Pioveva.Il pleuvait.

Il pretérito perfeito composto portoghese non è soltanto una sfida per gli italofoni, ma per tutto il mondo. Ciò spiega la ampia discussione su questo tempo verbale. Sia quale sia la madrelingua, c'è sempre la tendenza a utilizzare il pretérito perfeito composto quando si utilizza nella madre lingua un tempo che ci corrisponde formalmente, ossia formato con avere / essere come verbo ausiliare al presente + participio passato. In tutte le altre lingue questo tempo viene utilizzato quando un’azione del passato ha un impatto sul presente del parlante o quando c'è una delle famose "trigger words" come oggi, quest'anno, questa settimana ecc. I portoghesi hanno lo stesso problema ma al contrario, benché all'inverso la situazione sia migliore perché il passato prossimo è più facile da formare che il passato remoto.


C'è un altro fatto che rende la questione ancora più complessa. In alcuni contesti si può effettivamente tradurre il pretérito perfeito composto con un passato prossimo. Ciò induce molta gente a credere che questo sia sempre possibile. Alcuni libri di testi che traducono il pretérito perfeito composto con un passato prossimo scelgono esempi dove c'è una assomiglianza tra questi due tempi.

Guardiamo questa frase.

portoghese: Ultimamente os pássaros tem cantado na janela da cozinha todos os dias.
italiano: Ultimamente gli uccelli han cantato nella finestra della cucina tutti i giorni.

In questo caso si utilizza il passato prossimo sia in italiano che in portoghese, benché per distinte ragioni. Ultimamente suggerisce che non hanno soltanto cantato una volta, ma varie volte. (Inoltre lo hanno fatto tutti giorni.) Il fatto che hanno cantato varie volte è irrilevante in italiano per quanto riguarda l'uso del passato prossimo. È chiaro che lo hanno fatto varie volte, ma questo fatto è un aspetto che non viene espresso dal passato prossimo. Decisivo per il passato prossimo in italiano è il fatto che lo hanno fatto in uno spazio temporale vicino al presente del parlante, cioè ultimamente.

Se tralasciamo la parola ultimamente abbiamo un ’altra situazione. In questo caso si deve utilizzare il passato prossimo in italiano, perché la parola oggi indica che il parlante vede una vicinanza tra il suo presente è l'azione. Se tralasciamo la parola ultimamente non c'è più niente che indica che l'azione è stata ripetuta parecchie volte. In questo caso utilizzammo il passato prossimo in italiano, ma il pretérito perfeito simples in portoghese, perché la vicinanza è un criterio irrilevante in portoghese.

italiano: Questa mattina gli ucceli hanno cantato nella finestra della cucina.
portoghese: Esta manhã os pássaros cantaram na janela da cozinha.

Se compariamo la ripartizione tra il passato prossimo e il passato remoto riceviamo dei risultati differenti nelle diverse lingue. In spagnolo anche oggigiorno c'è una chiara distinzione tra fatti terminati in un passato terminato e fatti che hanno un impatto, soggettivo o oggettivo, sul presente. La ripartizione è pertanto 50 / 50. In italiano si deve distinguere. Se questa distinzione venisse ancora fatta, dovrebbe risultare la stessa ripartizione che in spagnolo. È da supporre che nella letteratura classica (Promessi Spossi, Pinocchio, Una Vita ecc.) ci sia questa ripartizione, mentre nella lingua parlata la situazione assomiglia a quella del francese parlato oggigiorno: domina il passato prossimo. In portoghese è all'inverso. Il passato prossimo portoghese è riservato per un contesto molto specifico.

Sembra che il cambio nell'uso del pretérito perfeito composto sia avvenuto nel XVI al XX secolo, cfr. O Pretérito Perfeito Composto em diacronia -- uma evolucão perfeita?, ossia relativamente tardi. Il fenomeno è curioso. Si capisce facilmente che le forme complicate, irregolari e difficili da memorizzare scompaiono. È una cosa che possiamo osservare molto spesso. Soltanto lo spagnolo difende valorosamente il suo passato remoto. In portoghese è avvenuto il contrario. La forma semplice è stata ridotta a un contesto molto speciale e il tempo verbale complesso è diventato la norma. 

Nel capitolo 11 discuteremo dei tempi del passato più dettagliatamente. In questo capitolo ci occupiamo solo della coniugazione del pretérito perfeito simples. 





contatto consenso al trattamento dei dati personali informazione legale