26. Ficar (rimanere), estar (essere / stare), tornar-se (diventare), ser (ser / stare)

Rimanere, stare, essere e diventare sono dei verbi copulativi. Con tali verbi si attribuisce una caratteristica al soggetto della frase.

Se continua così, rimarrà sempre povero.
Per vendere la sua idea, diventò un uomo di spettacolo.
Sono felice.
Le cose stanno proprio in questo modo, non c' è nulla da fare.

È utile sapere che stare non corrisponde a estar in portoghese e essere non corrisponde a ser. (Per coloro che parlano spagnolo: Sì, funziona come in spagnolo.) La differenza tra stare e essere in italiano non è sempre chiara: a volte uno può essere sostituito dall'altro. (Il Perù è/sta a sud dell'equatore.) In portoghese, questa sostituzione non è mai possibile. Si usa stare, ossia estar, per descrivere stati passeggeri; si usa essere, ossia ser, per descrivere caratteristiche intrinseche. Se qualcuno ha vinto la lotteria, in italiano si dice che è felice, ma in portoghese si usa invece "está feliz". Può darsi che per questa ragione diventi anche una persona che "è feliz". In questo caso è un uomo felice, ma non è sicuro. Se non si ha niente in testa, i soldi in tasca non servono a nulla. Per fare un altro esempio: in italiano, le fragole possono essere verdi. In portoghese no. Le fragole diventano rosse e sono verdi soltanto per un certo tempo. In portoghese le fragole ~stanno rosse: Os morangos ainda estão verdes.

(Parliamo qui dell’uso di stare / essere come verbi copulativi. In altri usi, per esempio nella costruzione stare + gerundio, non c'è differenza tra l'italiano e il portoghese. Non parliamo neanche di stare nel senso di trovarsi: con questo significato corrisponde a estar in portoghese.)


Inoltre, in portoghese non esiste un verbo che corrisponda a diventare. (Anche per quanto riguarda questo il portoghese si assomiglia allo spagnolo.) Diventare in italiano descrive qualsiasi tipo di cambiamento, sia passeggero che permanente, sia spontaneo che risultato da uno sforzo, sia negativo che positivo, sia reversibile che non reversibile.


È diventato nervoso, ma poi si è calmato.
È diventato pazzo, hanno dovuto portarlo in ospedale.
Dopo aver studiato dieci anni, finalmente è diventato medico.

In portoghese e spagnolo ci sono vari verbi per descrivere i cambiamenti.

Il verbo ficar può significare rimanere. In questo caso non descrive il processo, ma il resultato di questo e il fatto che non c'è nessun cambiamento. Confrontiamo:

1) I pomodori sono rossi.
2) I pomodori rimangono rossi.
3) I pomodori diventano rossi.


Abbiamo tre stati differenti e il significato non è lo stesso.

1) Descrive semplicemente uno stato. Il processo è rielevante.

2) Descrive il risultato di un processo. Colui che dice questo, si aspetta che i pomodori cambino ancora di colore. (Se qualcuno dicesse "I pomodori rimangono verdi" si aspetta che diventino rossi.)

3) Si prevede che in futuro i pomodori cambieranno colore.


Rimanere e restare corrispondono sempre a ficar. Ficar descrive il resultato di un processo, il fatto che non c'è nessun cambiamento o la decisione di non cambiare nulla. Confrontiamo:

1 a) A: Cosa fai stasera?
1 b) B: Niente, rimango in casa.
1 c) ~ Sto a casa.

2 a) A: Dove stai?
2 b) B: Sto a casa.
2 c) sbagliato: Rimango in casa.


Nel caso 1 a) qualcuno vuole che l'altro prenda una decisione e l'altro effettivamente l’ha fatto, non cambia niente. In 2 a) qualcuno vuole semplicemente sapere dove l'altro si trova e non gli chiede di prendere una decisione. 1 c) e 2 c) sarebbe sbagliato.
 
Rimanere può essere sempre tradotto con ficar, ma il trucco non funziona all'inverso, perché ficar può avere anche altri significati. Può significare per esempio anche trovarsi. Con questo significato compete con estar.

Trovarsi: si possono usare sia ficar che estar
O Museu de Arte Moderno fica em Nova Iorque.
O Museu de Arte Moderno esta em Nova Iorque.
Il Museum of Modern Art è a New York.
Il Museum of Modern Art si trova a New York.


Questo non significa che ficar possa sempre essere sostituito da estar. Se il risultato di un processo è l'affermazione centrale della frase, soltanto ficar è possibile.

1) non c'è nessun processo, entrambi sono possibili
O carro esta na rua.
O carro fica na rua.
La macchina sta nella strada.
La macchina si trova nella strada.
2) risultato di un processo
O carro ficou na rua.
La macchina è rimasta nella strada.


In 1) non abbiamo nessun processo. Il fatto che la macchina si trovi nella strada non è il risultato di un processo o, per essere più precisi, non importa come la macchina sia arrivata lì.

In 2) c’è un processo che ha portato a un risultato (per esempio, se il motore si è rotto). La stessa situazione si presenta anche quando qualcosa è il risultato di qualcos’altro.

Lo stato è il risultato di qualcosa.
Como a casa dele não tem garagem, o carro fica na rua.
Dato che casa sua non ha la rimessa, la macchina rimane in strada.
Não há estacionamento fechado, o carro fica na rua mesmo.
Non c'è un parcheggio sicuro, le auto restano sulla strada.


Si usa ficar anche quando la persistenza di uno stato è l'affermazione centrale della frase.

Persistenza di uno stato
Enquanto os companheiros fogem, ele fica onde está.
Mentre i suoi compagni fuggono, lui rimane dov'è.


Rimanere / Restare descrive sempre il risultato di un processo. Il processo stesso si descrive, invece, con diventare. Il problema è che in portoghese non c'è niente che corrisponda a diventare: la differenza fatta in italiano non si fa in portoghese. Questo è rilevante soprattutto per quanto riguarda i cambiamenti dello stato psichico. In questi casi è un po' difficile di distinguere tra sviluppo è stato finale. Compariamo:

diventare nel caso di un aumento d'intensità
a) Quando gli ho chiesto cosa stava facendo ieri, è diventato nervoso.*
b) no: Quando gli ho chiesto cosa stava facendo ieri, era nervoso.
a) È diventato arrabbiato quando l'ha scoperto.*
b) no: Era arrabbiato quando l'ha scoperto.

* per ragioni didattiche ovvie utiliziamo diventare nervoso / diventare arrabbiato e non con innervosirsi e arrabbiarsi.

b) suggerirebbe che era già nervoso o arrabbiato prima che glielo hanno chiesto e prima che lo aveva scoperto.

In qualche casi ficar, benché descriva il risultato di un processo, può anche descrivere il processo stesso. Questo sucede se il proceso e spontaneo. In questo caso può essere sostituito anche da estar. Forse in casi simili, quando non c'è veramente una differenza tra stato e cambiamento, si deve tradurre totalmente in un’altra maniera.


1) Estou feliz com a notícia.
2) Fico feliz com a notícia.
La notizia mi rende felice.
(A notícia faz-me feliz.)


Si può compiere delle distinzioni anche utilizzando i tempi verbali. Nel pretérito perfeito simples, ficar descrive il risultato di un processo. Diventare all’imperfetto ha senso solo se un'azione si è ripetuta regolarmente nel passato, ma in generale questo verbo viene utilizzato al passato prossimo o al passsato remoto, se ci atteniamo alle regole vigenti ai tempi di Alessandro Manzoni. Al passato remoto (italiano) o pretérito perfeito simples (portoghese) sia ficar che diventare descrivono il risultato di un processo. Ci si ammala quando la malattia scoppia, ma prima c'era un processo.

1) Ele não veio trabalhar porque estava doente.
Non è venuto al lavoro, perché era malato.
2) Ele não veio trabalhar porque ficou doente.
Non è venuto al lavoro, perché è diventato malato.


La frase 2) sottolinea più che la 1) il fatto che lui avesse l'intenzione di andare al lavoro, ma che il piano originale sia stato modificato: è rimasto nel letto. Nel caso 1) stava malato prima e dopo di avere preso la decisione di non andare al lavoro.

La differenza tra estar e ficar è più visibile nel seguente esempio.

1) Nós estamos em casa.
Siamo a casa.
2) Nós ficamos em casa.
Rimaniamo a casa.


1) descrive soltanto uno stato. 2) descrive una decisione consapevole.

Il portoghese distingue tra un processo spontaneo e un cambiamento lento (molto spesso il risultato di uno sforzo). In entrambi i casi si può utilizzare diventare in italiano.

1) Diventa medico.
2) Diventa nervoso.

Per diventare medico si deve studiare, non si riesce a diventarlo per caso. È un processo lungo che richiede uno sforzo. Invece, si può diventare nervoso per caso: per esempio, quando improvvisamente ci si confronta con una situazione pericolosa. Questo non richiede nessuno sforzo e non è un processo lungo. In italiano e in quasi tutte le altre lingue, si usa lo stesso verbo. In portoghese si utilizza tornar-se per descrivere dei processi lunghi. (Le altre distinzioni che si fanno in spagnolo, reversibile <=> irreversibile, positivo <=> negativo, processi che richiedono uno sforzo <=> processi che dipendono soltanto delle circostanze, non vengono fatte in portoghese.)

Quando uno stato è il risultato di uno sforzo, quando lo stato è irreversibile e quando si tratta di uno sviluppo lungo, si usa tornar-se. Tornar-se sempre sottolinea il processo, non si può mai tradurre con rimanere / restare.

Lo stato è il risultato di uno sviluppo lungo.
Nesse período tornou-se um bêbado costumaz e acabou preso.
Durante questo periodo è diventato un alcolista ed è finito in prigione.
Esta situação tornou-se mais complicada do que pensávamos.
La situazione diventava più complicata di quanto pensassimo.
Lo stato è il risultato di uno sforzo consapevole.
Tornou-se a cantora mais popular do país.
È diventata la cantante più famosa del paese.
Michel Temer, aos 75 anos, tornou-se o presidente mais idoso a assumir o cargo.
Con i suoi 75 anni, Michel Temer è il più vecchio presidente che abbia mai ricoperto questa carica.


Si vede più chiaramente la differenza in frasi in cui ser viene confrontato direttamente con tornar-se. (Negli esempi qui sotto la traduzione con ficar non è possibile, perché ficar descrive soprattutto il risultato di un processo, ma non il processo stesso.)

Ser e tornar-se professor.
Essere professore e diventare professore.
Quando a Russia deixa de ser monarquia para tornar-se uma republica?
Quando la Russia smette di essere una monarchia e diventa una repubblica?

Ser come qualsiasi verbo ha un futuro, ma questo descrive soltanto uno stato nel futuro, ma non il processo che porta a questo stato.

1) Eu serei o último.
Io sarò l'ultimo.
2) Eu ficarei aqui com você.
Resterò qui con te.
3) Eu me tornarei uma celebridade.
Diventerò una celebrità.



In maniera più sistematica si può descrivere le differenze così:

estar
- Lo stato non è il risultato di un processo. (Il processo non interessa.)
- Se si astrae dei casi in cui si potrebbe tradurre anche con trovarsi, Roma è in Italia <=> Roma si trova in Italia, estar descrive uno stato passeggero. Le caratteristiche intrinseche vengono descritte con ser. (Os morangos estão ainda verdes. (Le fragole sono ancora verdi.) <=> Os morangos são vermelhos. (Le fragole sono rosse.)
ficar
- Può essere utilizzato come estar, se una traduzione in italiano con trovarsi è possibile. (A cidade fica em um vale. <=> La città si trova / è in una valle.)
- In generale si traduce con rimanere / restare. Rimanere / restare descrivono il risultato di un processo, ma non il processo. (Ficamos de boca aberta <=> Siamo rimasti senza parole.)
- Il cambiamento descritto con ficar può essere spontaneo e reversibile. È il risultato di un processo che dipende soltanto delle circostanze (Fiquei muito contente com os presentes. <=> Mi sono rallegrato dei regali.) o il risultato di uno sforzo (Fiquei contente por termos conseguido fazer o que tínhamos planeado <=> Mi ha fatto piacere che abbiamo raggiunto gli obiettivi che ci eravamo prefissati.)
tornar-se
- Al contrario di ficar tornar-se descrive un processo lungo che non è reversibile. Con ficar molto spesso non è chiaro se si descrive un processo o il suo risultato di. Il significato deve essere dedotto dal contesto. Tornar-se descrive sempre un processo. (Ele ficou muito bêbado naquela noite (Era completamente ubriaco quella notte.) <=> Fui criado por bêbados, por isso tornou-se um bêbado (È stato cresciuto da ubriaconi e quindi è diventato un ubriacone.) Il predicato è in generale un sostantivo è non, come nel caso di ficar, un aggettivo.
ser
- Anche ser, come estar, descrive uno stato e non un processo. La differenza è che ser descrive una caratteristica intrinseca, e non uno stato passeggero. Questa distinzione non viene fatta in italiano. Un italofono deve dunque fare attenzione. "È uma pessoa feliz" significa che è sempre felice e di buonumore. "Esta feliz" significa che in un momento determinato è felice.




contatto consenso al trattamento dei dati personali informazione legale