20. 1 La preposizione "a"

La preposizione a si fonde con à (a + articolo a => à), ao (a + articolo o), às (a + articolo => às) e aos (a + articolo os), cfr. 4.2.1.

Se a / as (articolo) o il pronome dimostrativo aquele / aquelas ecc. e la preposizione "a" si fondono, si ottiene à o àquele. Questo fenomeno si chiama "crase". (Il fatto che questa parole derivi del greco e non dal latino è sorprendente; significa fusione.)


20.1.1 A per marcare il dativo


In tutte le lingue romanze l'oggetto indiretto, il dativo, è marcato con "a". Forse la funzione più importante della preposizione "a" è marcare l'oggetto indiretto.


O pai dá a maçã à filha.
Il padre da la mela alla figlia.


In quasi tutte le lingue l'oggetto indiretto è marcato in un modo o in un altro. L'unica eccezione è l'inglese, dove qualche volta non è marcato. Tuttavia, ci sono molti modi differenti per esprimerlo.

oggetto diretto = accusativo
oggetto indiretto = dativo

1) Non è marcato in assoluto. Forse questo succede soltanto in inglese.
I give the boy the apple. (ma: I give the apple to the boy.)
2) L'oggetto diretto e / o l'oggetto indiretto hanno un altro articolo rispetto al soggetto. Questo è il caso del tedesco.
Ich gebe dem Jungen den Apfel. (Do la mela al ragazzo)
3) L'oggetto indiretto o l'oggetto diretto hanno un suffisso o un prefisso. In persiano l'oggetto diretto è marcato dal suffisso "ra" mentre l'oggetto indiretto dalla preposizione "be".
من سیب را به این پسر میدهم. Man sib ra be in pesar midaham.
4) L'oggetto indiretto è marcato da una preposizione, l'oggetto diretto non è marcato in assoluto. Questo vale per lingue romanze.
Do il libro al bambino.
5) L'oggetto diretto e l'oggetto indiretto possono anche essere marcati dalla posizione nella frase. In questo caso il senso cambia se si cambia la posizione.
Andrea guarda Maria. <=> Maria guarda Andrea.
6) Concepibile, ma non realizzato in nessuna lingua che l'autore conosca: la distinzione tra oggetto diretto e oggetto indiretto è soltanto espressa attraverso l'accentazione.


1) Parte da una posizione principale e soltanto quanto questa viene cambiata, c'è bisogno di una preposizione.

2) Ciò sembra strano a tutti nell'emisfero occidentale. Questo è dovuto al fatto che il tedesco, è l'unica lingua in Europa che funziona in questo modo e con la quale francesi, spagnoli, inglesi, ecc. hanno contatto. Essi concludono che il tedesco è diverso dalle altre lingue, ma in realtà esso si comporta come russo, polacco, ungherese, arabo ecc. e la gran maggioranza di lingue. Gli eccezioni sono l'italiano, lo spagnolo etc..

3) Il persiano è l'unica lingua conosciuta dall'autore che marca l'oggetto diretto con un suffisso, ma c'è da supporre che ci sono molte altre lingue che usano questa tecnica. (Il quechua, la lingua parlata in Bolivia prima dell'arrivo degli spagnoli, sarebbe un altro esempio.)

4) Funziona così in tutte le lingue romanze e anche in inglese se l'oggetto diretto segue l'oggetto indiretto.

5) L'autore non sa se esiste una lingua che esemplifichi questa tecnica. Essa dovrebbe essere una lingua nella quale l'oggetto diretto e l'oggetto indiretto hanno una posizione fissa che non si può cambiare senza la frase diventi grammaticalmente sbagliata. Forse ciò non è possibile, perché tale lingua sarebbe molto inflessibile.

6) L'autore non conosce nessuna lingua di questo genere. Naturalmente non ha senso dire che le differenze nell'accentazione non si noterebbero a livello scritto perché si potrebbe marcarle con degli accenti grafici. Forse qualche lingua asiatica funziona così.

Ci sono diversi tipi di verbi. Ci sono verbi che richiedono un oggetto diretto e un oggetto indiretto, e verbi che richiedono soltanto un oggetto diretto (la maggioranza) e persino qualche verbo che può reggere soltanto un oggetto indiretto.


oggetto diretto / oggetto indiretto
1) ambedue necessari: Gli regalo un libro.
2) ambedue necessari: Glielo dico.
3) soltanto l'oggetto diretto è necessario: Glielo vendo.

1) Sia "Lo regalo" che "Gli regalo" non hanno senso. Nel primo caso ci si chiederebbe a chi è stato regalato qualcosa e nel secondo caso ci si chiederebbe che cosa è stato regalato.
2) "Lo dico" e "Gli dico" sembrano espressioni incomplete e non vengono utilizzate; al massimo si potrebbe dire "lo dico io" accentuando il soggetto "io".
3) In questo caso si può lasciare l'oggetto indiretto. "Lo vendo" ha senso, perché molto probabilmente non è nemmeno chiaro a chi lo vende.

soltanto oggetto diretto possibile
Vedo l'uccello.
Mangiamo le mele.

Alcuni verbi richiedono soltanto un oggetto indiretto.

Solo oggetto indiretto
Voglio rimediare ai danni causati.
Non si può più rimediare all'accaduto.


Secondo l'autore non c'è nessuna differenza tra l'italiano e il portoghese per quanto riguarda questo tema. Se il verbo italiano regge un oggetto diretto, anche il portoghese lo farà in tal caso; se in italiano il verbo può reggere sia un oggetto indiretto che uno diretto, anche in portoghese sarà lo stesso ecc.

Verbi che reggono un oggetto diretto:
comer algo
Mariana comeu o bolo.
Mariana ha mangiato la torta.
encontrar alguém
Mas não foi aí que a encontraram.
Ma non è stato lì che è stata trovata.
demitir alguém
Demitiu dois empregados por uso indevido do e-mail da companhia.
Ha licenziato due impiegati per uso illecito dell'e-mail della ditta.
auxiliar alguém
O aluno tem diversos recursos que o auxiliam em seus estudos.

L'allievo ha a sua disposizione diversi mezzi d'aiuto che lo supportano nello suo studio.

responder a algo / alguém
O aluno respondeu à pergunta da professora.
L'allievo risponde alle domande della professoressa.
felicitar alguém
Gostaria de me juntar àqueles que já felicitaram o nosso colega.
Voglio associarmi a coloro che si sono già congratulati coi nostri colleghi.
Os países ricos devem ajudar os países pobres. bild
I paesi ricchi devono aiutare quelli poveri.







Verbi che reggono un oggetto indiretto
dire qualche cosa a qualcuno
Eu disse a ela que eu era fluente em Espanhol.
Gli disse, che parlo spagnolo correttamente.
obedecer a alguém
Devemos obedecer aos nossos princípios e ideais.
Dobbiamo seguire i nostri principi e ideali.
esperar a alguém
Miriam esperava a irmã.
Miriam sta aspettando sua sorella.
mentire a qualcuno
Ele mentiu a dois empresários.
Lei ha mentito a due imprenditori
informar a alguém
Queridos alunos, informo-lhes que a prova será difícil.
Cari allievi, vi informo che l'esame sarà difficile.
solicitar algo a alguém
Solicitei-lhe que me desse algumas informações.
Gli ho chiesto di darmi qualche informazione.






contatto consenso al trattamento dei dati personali informazione legale